iten

ICONA Facebook666666 ICONA Flickr666666 ICONA Youtube666666

Banner Monitoraggio



IdroGeo-PT.png Valori di temperatura e pressione misurati dalla stazione di Montelungo-Desenzano (BS)

La rete idrogeochimica è un’infrastruttura sviluppata dalla sezione di Milano dell’INGV nel 2021 ed è parte della rete multiparametrica del Garda (Pdnet). Essa è caratterizzata da sensori di livello freatico, temperatura e conduttività dell’acqua installati in pozzi selezionati ed ubicati nell’area sismica del Lago di Garda e precisamente nelle province di Brescia e Verona. I sensori trasmettono dati quasi in tempo reale. La rete è composta anche da centraline meteo per il monitoraggio dei parametri ambientali essenziali (pioggia, velocità e direzione del vento, pressione atmosferica, umidità, temperatura), i cui dati vengono trasmessi in modo continuo alla Sezione di Milano.
 
Lo scopo è il monitoraggio dell’andamento dei suddetti parametri all’interno delle falde acquifere, comprendere la circolazione idrica sotterranea e dei fluidi disciolti in falda, e riconoscere eventuali variazioni imputabili a processi endogeni in atto come per esempio quelli sismogenetici, vale a dire ai terremoti.

L'area dove è posta la rete  è poco studiata da un punto di vista geochimico. Pertanto, sono in corso di valutazione:

    • l’andamento stagionale dei parametri monitorati, per stabilire valori di background utili al fine di distinguere variazioni legate a fenomeni naturali
    • le variazioni nella composizione dei fluidi disciolti nelle falde acquifere, per valutare eventuali fenomeni di mescolamento
    • la relazione tra le variazioni dei parametri idrogeochimici e quelli meteorologici nel breve (variazioni diurne/notturne) e lungo termine (effetti stagionali, maree terrestri); questo è un aspetto fondamentale per potere effettuare un filtraggio dei dati
    • gli effetti antropici (es. pompaggio della falda per scopi irrigui o terapeutici nel caso di acque termali), perché possono indurre variazioni nei parametri monitorati che vanno distinte da quelle legate a processi endogeni

La Sezione di Milano dell'INGV, attraverso un gruppo di lavoro che è parte della Unità Funzionale Monitoraggio Geofisico, si occupa del mantenimento della rete, di verificare che l’acquisizione e trasmissione dei dati avvenga regolarmente e correttamente, e dell’elaborazione dei dati acquisiti.
 Al momento sono state installate 7 stazioni idrogeochimiche, tutte hanno già acquisito una quantità di informazioni rilevante.

 Meteo

Esempio di acquisizione di livello freatico (linea nera), temperatura (in verde) e conducibilità elettrica (in rosso) alla stazione di Montelungo-Desenzano (BS). Nel grafico è possibile osservare il trend stagionale di decremento del livello freatico legato all’assenza di precipitazioni e quindi di una ricarica idrica profonda nell’acquifero sottostante. Questo trend ha un’influenza minore sulla temperatura e sulla conduttività, il che lascia supporre che la litologia con cui è maggiormente in contatto la falda è rimasta pressoché la stessa nonostante l’abbassamento del livello freatico..