La Sezione di Milano

Attività di ricerca

Risorse


Archivio quesiti e risposte

2017  2016  2015  2014  2013  2012  2011  2010  2009  2008  2007  2006  2005  2004  2003  2002  
N. Oggetto Inviato da Comune di residenza In data
54 Earthquake Early Warning System. Daniele D'annibale Ceccano (FR) 22-12-2011
Quesito:
Dopo il violentissimo terremoto del Giappone, ho scoperto che proprio in Giappone si usa da anni un sistema di allerta sismica per la popolazione che prevede il lancio di un messaggio di allerta tramite tv, radio, telefoni ecc, anche 60 secondi prima che inizi la scossa di terremoto.
Anche se sono pochi secondi, potrebbero comunque salvare centinaia di persone.
Mi domando: perché in Italia non usiamo un sistema simile visto che la maggior parte delle nostre città sono antiche e poco sicure? E' possibile adottare un tale sistema di allarta in Italia?
Non sarebbe saggio almeno fare dei test a riguardo sul suolo nazionale?
Grazie anticipatamente

Risponde Massimiliano Stucchi il 2011-12-22 17:42:35
Il sistema di early warning funziona sfruttando il fatto che le onde compressionali viaggiano più veloci di quelle trasversali, che sono quelle che producono danno. Dunque, le onde compressionali fanno partire l'allarme, e il tempo a disposizione per la salvezza dipende dal ritardo dell onde trasversali, ovvero dalla distanza dall'epicentro. In sostanza, è il terremoto stesso che ...dà l'allarme.
Sono in corso esperimenti nell'area campana anche se, nel caso italiano, il tempo a disposizione non supererà 15 o 20 secondi, utili forse a fermare automaticamente degli impianti (es. treni, centrali), ma non penso a salvare vite umane, considerando i normali tempio di reazione.
52 Differenza nome rilievo Pollino e Mt Alpi Sirino Antonello Celano Castelluccio Inferiore (PZ) 05-12-2011
Quesito:
Tra gli studi e i rilievi che l'INGV sta effettuando sul confine Calabro-Lucano ho notato che risulta tra i terremoti anche il nome del Monte Alpi-Sirino, tuttavia inserendo le coordinate ho notato che l'area dell'epicentro è identica (approssimativamente) agli eventi sismici segnalati come Pollino. Perchè questa differenza di nomenclatura se si tratta della stessa area? Il Monte Sirino e il Monte Alpi distano rispettivamente dagli epicentri segnalati circa 30-35 km in linea d'aria.
Risponde Amministrazione del sito il 2011-12-05 09:56:28
Buongiorno,
si tratta di denominazioini convenzionali, in via di revisione. Quello che fa fede sono le coordinate.
51 permesso di riproduzione Fabio De Blasio Milano (MI) 30-11-2011
Quesito:
E' permesso riprodurre alcuni dei grafici
di sismicità che appaiono sul sito INGV
su un libro di divulgazione
che sto scrivendo (edito da
springer italia)?

Grazie
Risponde Amministrazione del sito il 2011-11-30 15:54:44
ci dica quali per favore. Inoltre vorremmo poter verificare le didiscalie.
Grazie
49 Info nome e tipologia faglia distretto del Pollino Antonello Celano Castelluccio Inferiore (PZ) 24-11-2011
Quesito:
Come si chiama la faglia e di che tipologia è cioè profondità, lunghezza, attività e come si disloca sulla mappa quella che interessa il distretto del Pollino, nello specifico dei comuni di Rotonda (PZ), Castelluccio Inferiore (PZ), Viggianello (PZ), Laino (CS)? Lo chiedo anche in merito ai 15 eventi sismici che si sono susseguiti dal 26 ottobre 2011 al 24 novembre 2011. Inoltre è la stessa faglia che causò il forte sisma del 09/09/1998?

Grazie.
Risponde Amministrazione del sito il 2011-11-25 08:33:05
la rimandiamo al comunicato sul sito www.ingv.it.
Buona giornata
48 Quesito Ubaldo Camilotti Padova (PD) 22-11-2011
Quesito:

Sono un ingegnere civile molto interessato all Ingegneria sismica.
Vorrei avere indicazioni in merito alle espressioni empiriche (che mi è stato riferito esistere), che in caso di sisma permettono di ricavare - per un determinato sito - l accelerazione massima al suolo e lo spettro in accelerazione conoscendo la magnitudo Richter registrata nel sito e la sua distanza dall epicentro.
Nel ringraziarvi per l attenzione vi porgo cordiali saluti
Ubaldo Camilotti
Risponde Francesca Pacor il 2011-11-23 16:26:16
Gentile Ing. Camilotti,

Le espressioni empiriche a cui lei fa riferimento, in letteratura, sono note come Equazioni Empiriche per la predizione del moto o relazioni di attenuazione, in inglese Ground Motion Prediction Equations (GMPEs). Queste relazioni sono modelli calibrati su data set di accelerogrammi registrati e costituiscono uno strumento per predire il moto atteso con associata la sua incertezza in un dato sito, in funzione della magnitudo dellevento, della distanza sito-sorgente, delle condizioni locali, etc.
Uno stato dellarte molto completo relativo alle GMPEs pubblicate nel mondo dal 1964 al 2010 è stato recentemente redatto e disponibile allindirizzo web
http://peer.berkeley.edu/publications/peer_reports/reports_2011/webPEER-2011-102-Douglas.pdf.
Anche in Italia, le GMPEs sono in evoluzione, anche in funzione dei nuovi dati accelerometrici che si rendono via via disponibili. La relazione più recente è stata pubblicata nellambito del Progetto Banca dati accelerometrica Italiana, ITACA e pubblicata nel numero speciale della rivista Bulletin of Earthquake Engineering, Volume 9, Number 6, 2011.

Cordiali Saluti
Francesca Pacor
44 Richiesta informazioni Daniel Kinzner Brennero (BZ) 03-10-2011
Quesito:
Gentili Sig.i,

volevo chiederle se voi mi potreste inviare una mappa d'Italia con la attuale classificazione simica.

Grazie mille in anticipo

Cordiali saluti
Daniel Kinzner
Risponde Carlo Meletti il 2011-10-03 12:35:00
Il tipo di documento che cerca è tenuto aggiornato dal Dipartimento della Protezione Civile. Lo può scaricare al seguente indirizzo web:
http://www.protezionecivile.gov.it/jcms/it/classificazione.wp
41 funzionamento griglia interattiva progetto S1 Giancarlo Rocco Di Berardino Pianella (PE) 28-09-2011
Quesito:
Buona sera.

Mi chiamo Giancarlo e Vi scrivo da Pescara.

Desidererei chiederVi se la griglia interattiva del progetto S1
stia funzionando bene. Purtroppo, seleziono la zona, rendo visibili i punti della griglia, seleziono "Grafico sul punto griglia" e non compare alcun grafico sotto. Ho provato tutte le possibili combinazioni (cliccare prima o dopo sulla mappa, non cliccare affatto, aspettare tanto, poco, ricaricare la mappa, la pagina, e non so più cos'altro ancora)ma niente.Niente di niente: nessun grafico di ag. Non Vi disturberei ma ne ho piuttosto bisogno.
Spero di ricevere una risposta al più presto.
Cordiali saluti, Giancarlo
Risponde Carlo Meletti il 2011-09-29 08:53:28
La ringrazio per la segnalazione.
Ho potuto verificare che l'applicazione non risponde correttamente se acceduta con Google Chrome o con Safari, mentre funziona bene con Internet Explorer e con Firefox.
Questo dipende dalla continua evoluzione e rilascio di nuovi browser, successivi alla realizzazione dell'applicazione (del 2006).
Mentre aggiorniamo l'applicazione, le suggerisco di utilizzare uno dei browser con i quali funziona.
Grazie ancora e buon lavoro
Risponde Carlo Meletti il 2011-10-19 18:33:39
I problemi da lei segnalati sono stati risolti. L'applicazione è stata aggiornata e funziona con tutti i browser più diffusi.
La ringraziamo ancora per la segnalazione
39 Magnitudo Umberto Stefanel Udine (UD) 16-08-2011
Quesito:
Vorrei conoscere la Magnitudo M attesa in Comune di Fiume Veneto e Cordovado (Provincia di Pordenone) ai sensi dell' esclusione della verifica a liquefazione.

Ringrazio e porgo Distinti Saluti
Risponde Carlo Meletti il 2011-08-19 19:18:11
Come abbiamo risposto ad altri quesiti simili, non siamo in grado di rispondere visto che la normativa non precisa se la magnitudo da prendere in considerazione deve essere la massima attesa o quella con una certa probabilità di occorrenza o altro. Dovrebbe rivolgere la sua richiesta al Dipartimento della Protezione Civile.
Saluti
32 disagregation Sandro Pulcini Pescia (PT) 14-06-2011
Quesito:
dove si trovano nel sito i parametri di M ed R a partire dai valori di ED50 di un sito?

non riesco proprio a trovarli


grazie

geololgo Sandro Pulcini
Risponde Carlo Meletti il 2011-06-15 12:16:24
I parametri della disaggregazione sono disponibili sono per i nodi della griglia di calcolo.
Buon lavoro
31 genesi tufi Ivan D'ortenzio Oricola (AQ) 12-06-2011
Quesito:
salve
abito nel comune di Oricola in provincia dell'Aquila. nella zona sono presenti tufi grigi e rossastri , di cui i primi ben visibili nel bosco di Oricola e gli altri visibili lungo la statale tiburtina ss5 al km 65.300 in localita fosso ritorto: tempo fa i tufi rossi erano anche ben visibili nella zona nord industriale, ora non piu visibili a causa dello sviluppo industtiale della zona. volevo avere informazioni generali riguardo la formazione di questi tufi e la loro tipica sedimentazione. la ringrazio anticipatamente. saluti
Risponde Amministrazione del sito il 2011-06-12 17:25:31
Ci dispiace ma questo tipo di problematiche non rientra nelle nostre competenze.
Buna giornata
30 PGA terremoto Val Comino 1984 Gianfranco Capuano Isola Del Liri (FR) 31-05-2011
Quesito:
Riguardo il terremoto della Val Comino del maggio 1984 ho trovato notizie circa la magnitudo (Mw 5.9) ma non riesco a trovare la PGA generata dal sisma. Sapete darmi una risposta? Grazie
Risponde Francesca Pacor il 2011-06-24 15:47:15
Gentile Capuano,
il terremoto della Val Comino del maggio 1984, è stato registrato dalla Rete Accelerometrica Nazionale e da alcune stazioni accelerometriche appartenenti all'ENEA. Per avere informazioni sulle accelerazioni osservate e recuperare le corrispondenti forme d'onda, può consultare la banca dati accelerometrica italiana ITACA, all'indirizzo http://itaca.mi.ingv.it/ItacaNet

Cordiali Saluti
Francesca Pacor
27 Scossa a Milano Edilson Da Silva Pinto Opera (MI) 12-05-2011
Quesito:
Buongiorno, ieri sera (11/05/2011) dopo la mezzanotte ho avvertito una piccola scossa, e' possibile?
Grazie
Da Silva
Risponde Paolo Augliera il 2011-05-12 14:08:18
Non risultano eventi sismici nell'orario da lei indicato.
Buona giornata
25 terremoto novara Stefano Francescutti Novara (NO) 19-04-2011
Quesito:
Buongiorno,
vi scrivo e vi rubo pochi secondi solo per avere una piccola informazione.
Ieri sera, lunedì 18 aprile, intorno alle 22.30, io, la mia famiglia e i miei vicini di casa (abito all'ultimo piano di un condominio di 6 piani) abbiamo avvertito una scossa molto breve, intorno ai 3 secondi, ma abbastanza intensa.
Della quale però non ho sentito parlare nè nei notiziari, nè sul vostro sito. La stessa situazione si era ripetuta anche circa 3 settimane fa.
Vivo a Novara, sopra ad una ex palude poi bonificata.
Devo preoccuparmi per la casa? o sono eventi normali?
Grazie per l'attenzione dedicatami.
Cordialmente,
Stefano Francescutti
Risponde Paolo Augliera il 2011-04-21 16:26:57
Il monitoraggio sismico del territorio nazionale è affidato principalmente ai nostri colleghi del Centro Nazionale Terremoti con sede a Roma.
Non mi risultano eventi nell'ora da Lei indicata. A volte passaggi di mezzi pesanti o piccole esplosioni artificiali (ad es. cave o lavori stradali) possono somigliare a piccole scosse. Grazie comunque della segnalazione e scusi il ritasrdo nella risposta. Cordiali saluti
22 La città di Fermo è ad elevato rischio sismico ? Emanuele Starace Milano (MI) 27-03-2011
Quesito:
Sto per trasferirmi nella città di Fermo.
Volevo sapere, come da titolo, se la stessa è ad elevato rischio sismico.
Prima di portarci la mia famiglia vorrei essere tranquillo..
Risponde Massimiliano Stucchi il 2011-03-27 22:23:35
può consultare il sito

zonesismiche.mi.ingv.it

oppure consultare la Regione Marche

Buona serata

20 terremoto SE Sardegna agosto 1977 Luciano Lecca Seargius (CA) 21-03-2011
Quesito:
Vi chiedo cortesemente dove posso trovare i dati, coordinate, magnitudo e meccanismo focate del terremoto verificatosi a sud est della Sardegna nell'agosto del 1977, oppure se cortesemente potete fornirmeli e la fonte , se esiste un catalogo dove lo trovo inserito.

Infinite grazie, Luciano Lecca
Risponde Carlo Meletti il 2011-03-29 17:24:35
Gentile Professor Lecca,
essendo io nato a Cagliari, ho fatto qualche ricerca su questo terremoto del quale non ero a conoscenza. Effettivamente si ha un'unica informazione riportata dal Catalogo dei terremoti del Progetto Finalizzato Geodinamica, proveniente dal Bollettino dell'allora ING e come tale riportata anche dal Catalogo USGS.
Bisogna considerare che a quei tempi la rete sismica era costituita da pochissime stazioni e che l'evento è avvenuto fuori rete. Pertanto la localizzazione e la magnitudo sono sicuramente molto poco precise.
Secondo il catalogo PFG la latitudine sarebbe stata 38.23, la longitudine 8.18 e la magnitudo 5.1.
Le notizia di stampa che ho trovato su Internet parlano di un risentimento fino a Oristano.
Se avesse bisogno di ulteriori chiarimenti, mi può contattare direttamente al mio indirizzo di e-mail: meletti (chiocciola) pi.ingv.it.
Buon lavoro
19 Magnitudo terremoto dell'Aquila Alberto Mancini Cecina (LI) 16-03-2011
Quesito:
Salve,facendo qualche ricerca sul devastante terremoto che ha colpito L'Aquila nel 2009, ho trovato nuove stime riguardo la magnitudo del terremoto.Il terremoto ha avuto una magnitudo Richter (Ml) di 5.9 e una magnitudo momento (Mw)di 6.3. Navigando ho trovato anche valori della magnitudo Richter pari a 6.7. Sempre informandomi sulla rete, ho trovato alcuni articoli o esposizioni in cui valori pari a 6.7 Ml e superiori riguardassero le accelerazioni del terremoto negli ultimi secondi della scossa. La mia domanda è questa. Il 6.7 Ml è stato veramente un dato appartenente alla scossa? Ci sono state accelerazioni che hanno superato 6.3? Grazie.
Risponde Amministrazione del sito il 2011-03-16 11:04:29
come ripetutamente spiegato, non commentiamo valori di M forniti da altre agenzie o autori, a meno che questi non vengano precisati esplicitamente.
Buona giornata
17 velino sirente Camilla Gatti Popoli (PE) 10-03-2011
Quesito:
Salve, vorrei avere delle informazioni riguardo le caratteristiche sismogenetiche della faglia Velino-Sirente (magnitudo massima prevista, tempi di ricorrenza, ultimo evento...).Grazie infinite.
Risponde Carlo Meletti il 2011-03-10 22:20:31
Gentile Signora, negli ultimi 2 anni abbiamo già risposto a quesiti analoghi. Può trovare tali risposte nel nostro archivio.
Informazioni di dettaglio sulle singole faglie sismogenetiche possono essere reperite anche nel Database delle Sorgenti Sismogenetiche (DISS) che è consultabile al seguente link: http://diss.rm.ingv.it/DISS/

Buona serata
15 recente sciame sismico nel messinese Daniele Ingemi Messina (ME) 09-03-2011
Quesito:
Alla luce del recente sciame sismico che sta interessando l'area dello stretto di Messina e zone limitrofe volevo sapere se esistono studi dettagliati sulle faglie secondarie (tipo quella di Larderia-Sperone, una parallela alla faglia madre dello stretto) che bordano la città di Messina e la dorsale nord dei Peloritani ?

Inoltre le tre scosse che nelle ultime 36 ore si sono verificate a largo di Capo Taormina (l'evento principale ha raggiunto i 3.7 di magnitudo) sono da attribuire al lembo più meridionale della faglia di Messina o sono state prodotte da un diverso sistema sismogenetico che piega sullo Ionio ?

Grazie per la risposta !
Risponde Amministrazione del sito il 2011-03-09 17:06:49
Se non sbagliamo, prima di inserire il quesito lei ha sottoscritto quanto previsto dal servizio e cioè:

Si segnala che non verrà data risposta a quesiti che riguardano:

* caratteristiche di sequenze in atto e previsioni sulla loro evoluzione;

Provi comunque a consultare la sezione di Catania, più esperta in materia.
Buona giornata.

M.


14 caldera del Marsili Fernanda Gallizioli Sommacampagna (VR) 07-03-2011
Quesito:
Buongiorno,
volevo chiedere se è vero che la caldera del Marsili potrebbe esplodere
anche a breve?
Grazie e cordiali saluti
Fernanda Gallizioli
Risponde Amministrazione del sito il 2011-03-07 16:07:09
Come già precisato in riferimento a quesiti depositati gli scorsi anni,
per questi argomenti è consigliabile consultare la sezione Osservatorio Vesuviano.
Buona giornata
13 Boati intervallati provenienti dal sottosuolo Claudio Marchiori Varallo Sesia (VC) 06-03-2011
Quesito:
Domenica 20 febbraio mi trovavo nel bosco a tagliare piante a una
altezza di circa 800m slm con terreno sottostante prevalentemente
roccioso.
In circa 4 ore di lavoro Ho udito più volte forti boati provenieti
con molta probabilità dal sottosuolo.
Probabile futuro terremoto?
Gradirei una risposta.
grazie distinti saluti.
Risponde Massimiliano Stucchi il 2011-03-06 23:41:42
Non sono in grado di darle un parere sulla origine di quello che lei riferisce, ma escluderei quanto lei ipotizza.
Buona serata
11 Faglia S.Demetrio Alessandro Verdecchia San Benedetto Del Tronto (AP) 24-02-2011
Quesito:
Salve,sono uno studente di Geologia dell'Università di Chieti, volevo sapere se ci sono evidenze in campagna dello specchio di faglia della FAglia di S.Demetrio dei Vestini. Grazie e Arrivederci
Risponde Massimiliano Stucchi il 2011-02-24 14:28:26
Buongiorno,
credo che i colleghi docenti della sua Università siano molto più imformati su questi argomenti di quanto non lo possa essere questa sezione.
Buona giornata
10 informazioni relativi azione sismica Giovanni Boscolo Baone (PD) 24-02-2011
Quesito:
Buongiorno,

leggendo il d.m. del 14.01.2008, nella sezione relativa alle azioni sismiche sono allegate delle tabelle dei parametri che definiscono l'azione sismica. I valori di ag lì riportati sono diversi da quelli che ho scaricato dal vostro sito. Sono infatti molto più grandi nella normativa. Perché? Qual è la differenza?
La ringrazio
Saluti
Risponde Carlo Meletti il 2011-02-24 12:36:36
Tutti i valori di ag nella tabella del DM sono stati moltiplicati per 10, al fine di risparmiare spazio nella stampa della tabella, come scritto in una nota. Quindi quando legge 1.273 nel decreto significa 0.1273g.
Buona giornata
9 Richiesta dati sismici Paolo Coppiardi Alpo (vr) (VR) 24-02-2011
Quesito:
Buogiorno,
chiedo per favore come ottenere i seguenti dati:

1)Max valore fattore amplif.dello spettro-orizzontale (F0)
2)periodo inizio tratto a velocità costante spettro orizz. (T*c)

per: Via Caluso, 50 - 10024 Chivasso (TO)
latitudine 45,206715 , longitudine 7,897754 , ag =0.05g
Periodo di ritorno dell'azione (Allegato A - formula 1)(TR) 475 anni

Sono riuscito a conoscere "ag" ma non riesco a trovare "F0" e "T*c" anche dalle tabelle dell' allegato B delle NTC DM 14/01/2008 non sono riuscito.
Riuscite a darmi questi dati, o a speegarmi come calcolarli?
Poetete aiutarmi? Grazie infinite.
Cordiali saluti
Paolo Coppiardi

Risponde Carlo Meletti il 2011-02-24 12:40:30
Non possiamo elaborare questo tipo di informazione che deve essere determinata dal progettista, ma le possiamo consigliare di utilizzare l'applicazione che si scarica dal sito del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici: http://www.cslp.it/cslp/index.php?option=com_content&task=view&id=48&Itemid=20 alla voce Azioni sismiche - Spettri di risposta ver. 1.03.

Buona giornata
7 teorie attendibili? Debora Porfili Roma (RM) 12-02-2011
Quesito:
Vorrei sapere se effettivamente esiste un'alta percentuale di pericolosità sismica per la città di Roma. Preciso che non credo assolutamente a tutte le false teorie che girano su vari siti internet relativi alle catastrofiche previsioni di un terremoto a Roma nel maggio del 2011 e tantomeno alla fine del mondo nel 2012...Ciò che maggiormente mi preoccupa è sapere se effettivamente a Roma può verificarsi l'epicentro di un sisma.
Grazie.
Debora
Risponde Massimiliano Stucchi il 2011-02-12 16:43:28
La pericolosità sismica di un sito di solito rappresenta una probabilità che il sito stesso venga "scosso" con una certa forza, indipendentemente da dove si origina il terremoto. La pericolosità italiana è descritta al sito zonesismiche.mi.ingv.it.
Nei dintorni di Roma si sono originati terremoti di media energia. Gli effetti più forti a Roma sono stati prodotti invece da terremoti appenninici.
Buona giornata.
6 Domanda Gerardo D'agosto Venafro (IS) 25-01-2011
Quesito:
Rinnovo la mia stima nei confronti delle risorse umane dell' "INGV" che
offrono la propria
professionalità alla comunità intera.
La mia domanda è:
Con la statistica della disposizione spaziale degli ipocentri si potrebbe
addivenire alla mia personale conclusione sottoindicata ?

Grazie.
Risponde Massimiliano Stucchi il 2011-01-25 11:52:30
Temo di no. Peraltro non so a che numerazione si riferisca quando cita la faglia "42000".
Buona giornata
5 Placca tettonica euro asiatica Gerardo D'agosto Venafro (IS) 24-01-2011
Quesito:
Di sicuro questo mio messaggio non verrà da Loro pubblicato, ma tentar non nuoce.
La faglia n.42000 caratterizzante i tre monti sovrastanti Venafro (IS) (Monte Sambucaro, Monte Corno e Monte S. Croce) è perpendicolare alla catena Appenninica e, secondo me, tale zona è "border line" per la placca tettonica euro-asiatica.
Lo deduco dal fatto che gli ipocentri caratterizzano l' intera catena appenninica con zona franca per l'appunto quella da me precedentemente indicata in cui gli ipocentro si sviluppano a perpendicolo rispetto alla medesima.

Con la solita stima,

Gerardo D'Agosto.
Risponde Massimiliano Stucchi il 2011-01-24 21:42:22
qual'è la domanda?
2 Magnitudo Alberto Bruschi Basiglio (MI) 12-01-2011
Quesito:
Per la verifica di liquefacibilità è richiesto il valore della magnitudo del terremoto di riferimento; esiste un catalogo delle magnitudini attese per i comuni italiani? e dove lo posso scaricare? - Grazie
Risponde Carlo Meletti il 2011-01-14 12:11:22
Come già spiegato ad altri quesiti analoghi, non possiamo rispondere a questo tipo di richiesta, visto che la normativa non chiarisce se deve essere considerata la magnitudo massima (a prescindere dalla probabilità che questa si verifichi; in questo caso in tutta Italia si dovrebbero fare tali verifiche) o altro tipo di dato.
Il nostro consiglio è quello di rivolgersi alla Regione di competenza.
Buon lavoro